mercoledì 31 luglio 2013

#vk Gelati e Ciclabili 2013: Decima edizione di “Gelati e ciclabili”, l’iniziativa organizzata da Monte Sole Bike... http://dlvr.it/3kmw2T

# Gelati e Ciclabili 2013: Decima edizione di “Gelati e ciclabili”, l’iniziativa organizzata da Monte Sole Bike... http://dlvr.it/3kmw2T



via admin e amici http://abcloud.org/statusnet/notice/556

Gelati e Ciclabili 2013

Decima edizione di “Gelati e ciclabili”, l’iniziativa organizzata da Monte Sole Bike Group che fino a settembre propone ogni mercoledì delle serate allegre in bicicletta, percorrendo le piste ciclabili di Bologna e dintorni alla scoperta dei migliori maestri gelatai bolognesi.


Ad ogni appuntamento viene seguito un tema differente (la crema, il cioccolato, i sorbetti,…) e si “sperimentano” due gelaterie, collocate nei pressi delle ciclabili esistenti e raggiungibili tranquillamente da chiunque in bicicletta.


Le gelaterie saranno votate dai partecipanti, per stilare infine una graduatoria. L’ultima sera, festa e premiazione finale della gelateria più votata e dei partecipanti più assidui. Inoltre tra coloro che avranno partecipato al maggior numero di serate saranno estratte tre porzioni da 1 kg di gelato ciascuna da consumare nella gelateria più votata.


Questo il calendario delle serate di Gelati e Ciclabili 2013 a Bologna:


Mercoledì 19 giugno 2013 – 1a serata

Mercoledì 26 giugno 2013
- 2a serata

Mercoledì 3 luglio 2013
- 3a serata

Mercoledì 10 luglio 2013
- 4a serata

Mercoledì 17 luglio 2013
– 5a serata

Mercoledì 24 luglio 2013
– 6a serata

Mercoledì 31 luglio 2013
- 7a serata

Mercoledì 7 agosto 2013
– 8a serata

Mercoledì 14 agosto 2013
- 9a serata

Mercoledì 21 agosto 2013
- 10a serata

Mercoledì 28 agosto 2013
- 11a serata

Mercoledì 4 settembre 2013
- 12a serata

Mercoledì 11 settembre 2013
– Finale

Mercoledì 18 settembre 2013
- Premiazione gelaterie

Mercoledì 25 settembre 2013
– Festa e premiazione partecipanti


SCARICA LA LOCANDINA GELATI E CICLABILI 2013


Maggiori informazioni e aggiornamenti sul sito www.montesolebikegroup.it









via Cult of Soup http://provetecnichevarie.wordpress.com/2013/07/31/gelati-e-ciclabili-2013/

#vk Melanzane ripiene: Ingredienti: melanzane pomodoro fresco stracchino veg o vegrino 2 fette di pane 100 g di... http://dlvr.it/3kfZHP

# Melanzane ripiene: Ingredienti: melanzane pomodoro fresco stracchino veg o vegrino 2 fette di pane 100 g di... http://dlvr.it/3kfZHP



via admin e amici http://abcloud.org/statusnet/notice/554

Melanzane ripiene


Ingredienti:


melanzane


pomodoro fresco


stracchino veg o vegrino


2 fette di pane


100 g di zucchine passate in padella


timo


maggiorana


lievito alimentare in scaglie


viaMelanzane ripiene – Vegan blog – Ricette Vegan – Vegane – Cruelty Free.








via Cult of Soup http://provetecnichevarie.wordpress.com/2013/07/31/melanzane-ripiene/

martedì 30 luglio 2013

#vk Freebioenergy: La bioenergia al servizio dell’ambiente: INTRODUZIONE Utilizzando le “energie naturali” –... http://dlvr.it/3kMxdR

# Freebioenergy: La bioenergia al servizio dell’ambiente: INTRODUZIONE Utilizzando le “energie naturali” –... http://dlvr.it/3kMxdR



via admin e amici http://abcloud.org/statusnet/notice/551

#vk Tortino pizzaiola: Ingredienti per la parte rossa: 160 g di passata di pomodoro 30 g di farina integrale 10 g... http://dlvr.it/3kMxcm

# Tortino pizzaiola: Ingredienti per la parte rossa: 160 g di passata di pomodoro 30 g di farina integrale 10 g... http://dlvr.it/3kMxcm



via admin e amici http://abcloud.org/statusnet/notice/550

#vk Precisazione: "Snail’s Pace@Edition" è una collana by "JagannathEdition"... http://dlvr.it/3kMxWj

# Precisazione: "Snail’s Pace@Edition" è una collana by "JagannathEdition"... http://dlvr.it/3kMxWj



via admin e amici http://abcloud.org/statusnet/notice/549

Freebioenergy: La bioenergia al servizio dell’ambiente


INTRODUZIONE


Utilizzando le “energie naturali” – effettivamente già colte ed acutamente gestite in antichità quando l’uomo (ancora analogico) sapeva sentirsi e sentire la Realtà a prescindere dal concetto – Freebioenergy sviluppa una tecnologia che promuove la riorganizzazione di fase delle strutture coerenti dell’acqua liquida, ottenendo così due principali risultati: evitare la formazione di calcare incrostante ed abbattere drasticamente la carica batterica. Inoltre, nei luoghi in cui sono installati i dispositivi Quantum Freebioenergy (QFBE) si ottiene un’organizzazione dei potenziali elettromagnetici ambientali arrivando ad implementare la ionizzazione negativa dell’aria e l’attitudine al mantenimento di un buono stato vitale e dell’equilibrio del vivente. Freebioenergy persegue la ricerca e sviluppa il proprio know-how senza ghettizzazioni gnoseologiche, consapevole che la realtà fisica espone all’uomo evidenze sperimentali che, sebbene non ancora inquadrate entro precise modellizzazioni teoriche, sono innegabili.


viaFreebioenergy: La bioenergia al servizio dell’ambiente – ALTRO GIORNALE.








via Cult of Soup http://provetecnichevarie.wordpress.com/2013/07/30/freebioenergy-la-bioenergia-al-servizio-dellambiente/

Tortino pizzaiola


Ingredienti per la parte rossa:


160 g di passata di pomodoro


30 g di farina integrale


10 g di farina di riso integrale


15 g di farina di lupino


1 C di olive nere piccole in salamoia


1/2 cipolla bianca


1 c di olio evo


origano


basilico fresco


viaTortino pizzaiola – Vegan blog – Ricette Vegan – Vegane – Cruelty Free.








via Cult of Soup http://provetecnichevarie.wordpress.com/2013/07/30/tortino-pizzaiola/

Precisazione

"Snail’s Pace@Edition" è una collana by "JagannathEdition" http://www.abcloud.org/jagannatheditionhttps://www.facebook.com/JagannathEdition che a sua volta è una collana di libri per Kindle.


Beaded Snail JagannathEdition


presenta


Snail’s Pace@Edition


libri a passo di lumaca


snails

http://www.paceedition.tk


titoli Snail’s Pace@Edition su Amazon:

http://goo.gl/E4rsK9


Marchio tutelato su


su Patamu


il giorno 2013-07-22 12:55:47. Codice marcatura: 6344.


Snail's Pace@Edition


“JagannathEdition” e “Snail’s Pace@Edition” NON sono case editrici bensì collane di libri e libretti fondate e gestite autonomamente da Ramananda Das c/o Jagannatha Vallabha Piteipur P/O Alasana, PS 752001 Chandanpur Puri Orissa che, l’Associazione Internazionale per la Coscienza Spirituale “Sole e Luna”, si limita a promuovere in quanto a favore delle stesse tematiche dell’Associazione stessa: alimentazione e medicina naturali, spiritualità, ecologia e ambiente come da Statuto. La Collana può ospitare altri Autori, gratuitamente, sempre e solo su iniziativa privata di Ramananda Das. “Editori” della Collana “JagannathEdition” se così possono definirsi, sono “Kindle Direct Publishing di Amazon” per le versioni digitali e “Lulu Press, Inc.” per quelle cartacee.








via Cult of Soup http://provetecnichevarie.wordpress.com/2013/07/30/precisazione-3/

domenica 28 luglio 2013

#vk Come fermare la luce per un intero minuto: È il record di ricercatori tedeschi, che hanno imprigionato la luce... http://dlvr.it/3jvtHZ

# Come fermare la luce per un intero minuto: È il record di ricercatori tedeschi, che hanno imprigionato la luce... http://dlvr.it/3jvtHZ



via admin e amici http://abcloud.org/statusnet/notice/548

#vk Come fermare la luce per un intero minuto: È il record di ricercatori tedeschi, che hanno imprigionato la luce... http://dlvr.it/3jvky9

# Come fermare la luce per un intero minuto: È il record di ricercatori tedeschi, che hanno imprigionato la luce... http://dlvr.it/3jvky9



via admin e amici http://abcloud.org/statusnet/notice/547

#vk Curry di funghi e seitan: Ingredienti: 1/2 carota 1 piccola cipolla bianca 2 fette spesse di seitan al naturale... http://dlvr.it/3jvkpf

# Curry di funghi e seitan: Ingredienti: 1/2 carota 1 piccola cipolla bianca 2 fette spesse di seitan al naturale... http://dlvr.it/3jvkpf



via admin e amici http://abcloud.org/statusnet/notice/546

Come fermare la luce per un intero minuto


È il record di ricercatori tedeschi, che hanno imprigionato la luce all’interno di un cristallo. Una promessa per le reti quantistiche su lunghe distanze


di Anna Lisa Bonfranceschi


L’idea di stoppare qualcosa che si muove alla stratosferica velocità di 300mila chilometri al secondo potrebbe sembrare piuttosto azzardata, eppure un team di ricercatori guidati da Georg Heinze della University of Darmstadt è riuscito a fermare la luce per un minuto, un record. Come siano riusciti a raggiungere un risultato del genere, che potrebbe accelerare lo sviluppo di reti quantistiche per le lunghe distanze, lo spiegano gli scienziati sulle pagine di Physical Review Letters. I tentativi di rallentare e quindi stoppare completamente la luce si susseguono da un po’. Per riuscire nell’impresa gli scienziati tedeschi hanno utilizzato una tecnica nota come trasparenza elettromagnetica indotta (electromagnetically induced transparency, Eit). Semplificando, i ricercatori hanno usato un cristallo opaco contro cui hanno sparato un raggio laser in grado di innescare reazioni tali da renderlo trasparente. Successivamente sullo stesso cristallo (ora trasparente) è stato sparato un altro fascio di luce, e quindi il primo raggio laser è stato spento, facendo tornare il cristallo opaco. Come racconta Extreme Tech la luce è stata quindi intrappolata all’interno del cristallo, dove, data l’opacità non poteva neanche rimbalzare. Di fatto è come se fosse stata fermata.


viaCome fermare la luce per un intero minuto – ALTRO GIORNALE.








via Cult of Soup http://provetecnichevarie.wordpress.com/2013/07/28/come-fermare-la-luce-per-un-intero-minuto/

Curry di funghi e seitan


Ingredienti:


1/2 carota


1 piccola cipolla bianca


2 fette spesse di seitan al naturale


1 confezione di funghi già tagliati


1 confezione di panna vegetale


salsa di soia


olio evo


curry


sale


prezzemolo secco


viaCurry di funghi e seitan – Vegan blog – Ricette Vegan – Vegane – Cruelty Free.








via Cult of Soup http://provetecnichevarie.wordpress.com/2013/07/28/curry-di-funghi-e-seitan/

#vk Snail’s Pace@Edition presenta: “la Brezza Profumata dei Fiori nei Boschi” (Stefania4) di Renzo Samaritani: 2014... http://dlvr.it/3jtdDw

# Snail’s Pace@Edition presenta: “la Brezza Profumata dei Fiori nei Boschi” (Stefania4) di Renzo Samaritani: 2014... http://dlvr.it/3jtdDw



via admin e amici http://abcloud.org/statusnet/notice/545

Snail’s Pace@Edition presenta: “la Brezza Profumata dei Fiori nei Boschi” (Stefania4) di Renzo Samaritani

2014


Snail’s Pace@Edition


libri a passo di lumaca


snails

http://www.paceedition.tk


titoli Snail’s Pace@Edition su Amazon:

http://goo.gl/E4rsK9


Marchio tutelato su


su Patamu


il giorno 2013-07-22 12:55:47. Codice marcatura: 6344.









via Cult of Soup http://provetecnichevarie.wordpress.com/2013/07/28/snails-paceedition-presenta-la-brezza-profumata-dei-fiori-nei-boschi-stefania4-di-renzo-samaritani/

Le fasce di Van Allen fanno tutto da sé


Da dove vengono gli elettroni accelerati a velocità relativistiche nella fasce di Van Allen? Dallo spazio esterno, o sono accelerati in loco? Gli astronomi se lo chiedono da decenni, e la missione NASA Radiation Belt Storm Probes ha trovato la risposta. Lo studio su Science.


di Nicola Nosengo


Non si può dire che abbiano perso tempo. Lanciate meno di un anno fa (era il 30 agosto del 2012) le due sonde gemelle della NASA Van Allen Radiation Belt Storm Probes hanno già permesso ai ricercatori di risolvere uno dei misteri chiave sulla fasce di Van Allen, le due ciambelle di radiazione che circondano la Terra, scoperte nel 1958. Si sa da tempo che le fasce contengono elettroni accelerati a velocità relativistiche (ovvero, prossime a quelle della luce). Dall’inizio degli anni Novanta diversi satelliti fornivano dati sull’argomento, indicando strutture e dinamiche complesse difficili da spiegare con le attuali teorie. Ma da dove venissero proprio non si capiva. In campo c’erano due teorie: che quegli elettroni venissero trasportati da una riserva di particelle ad alta energia poste fuori dalle fasce stesse (la teoria della diffusione radiale), oppure che qualche meccanismo lì accelerasse in loco. Insomma, che si tratti di elettroni ‘nativi’ delle fasce di Van Allen.


viaLe fasce di Van Allen fanno tutto da sé – ALTRO GIORNALE.








via Cult of Soup http://provetecnichevarie.wordpress.com/2013/07/28/le-fasce-di-van-allen-fanno-tutto-da-se/

Insalata di Venere e tempeh


Ingredienti per l’insalata di Venere:


100 g di riso Venere integrale


1 pomodoro costoluto maturo


1 melanzana


1/2 cipolla rossa fresca


foglie di sedano qb


prezzemolo fresco qb


olio di sesamo


olio d’oliva


sale marino integrale


viaInsalata di Venere e tempeh – Vegan blog – Ricette Vegan – Vegane – Cruelty Free.








via Cult of Soup http://provetecnichevarie.wordpress.com/2013/07/28/insalata-di-venere-e-tempeh/

sabato 27 luglio 2013

#vk DIFFAMAZIONE, M5S CAMERA: GRAZIE A NOI I BLOG SONO SALVI: ROMA, 26 – “Se la proposta di legge sulla... http://dlvr.it/3jkPxG

# DIFFAMAZIONE, M5S CAMERA: GRAZIE A NOI I BLOG SONO SALVI: ROMA, 26 – “Se la proposta di legge sulla... http://dlvr.it/3jkPxG



via admin e amici http://abcloud.org/statusnet/notice/544

#vk Il melograno cura le patologie cardiovascolari: Il futuro delle cure per la nostra salute non lo troveremo di... http://dlvr.it/3jjtJX

# Il melograno cura le patologie cardiovascolari: Il futuro delle cure per la nostra salute non lo troveremo di... http://dlvr.it/3jjtJX



via admin e amici http://abcloud.org/statusnet/notice/543

Il melograno cura le patologie cardiovascolari

cuore-di-melograno


Il futuro delle cure per la nostra salute non lo troveremo di certo nell’armadietto dei medicinali ma bensì nelle nostre cucine, nei nostro orti e negli alberi da frutto. E’ stato dimostrato come il melograno possa prevenire i problemi legati alle malattie cardiovascolari.


Un nuovo studio pubblicato sulla rivista Atherosclerosis conferma che l’estratto di melograno può impedire e invertire la patologia primaria associata a mortalità cardiaca, l’ispessimento progressivo delle arterie coronarie causate dall’accumulo di materiali grassi.


Sorprendentemente, i ricercatori hanno anche scoperto che il trattamento con estratto di melograno ha portato ai seguenti effetti benefici:



  • Ridotti livelli di stress ossidativo

  • Accumulo di lipidi ridotta nel muscolo cardiaco

  • Ridotta infiltrazione di macrofagi nel muscolo cardiaco

  • Ridotti livelli di proteina chemiotattica dei monociti-1 e la fibrosi del miocardio

  • Ridotto allargamento cardiaco

  • Riduzione alterazioni elettrocardiografiche


E’ importante che anche la scienza stia arrivando a conclusioni di questo tipo, in effetti se ci pensiamo problemi di questo tipo in età a di frutta e verdura non risultano e questo dipende anche dall’alimentazione che esisteva.


La mancanza di un alimentazione più ricca di frutta e verdura a favore di altri cibi più elaborati crea delle carenze nel nostro organismo, infatti il premio Nobel Linus Pauling sosteneva che la carenza di vitamina C è una causa fondamentale della malattia cardiovascolare.


Altri studi erano stati effettuati precedentemente, nel 2004, la rivista Clinical Nutrition ha pubblicato i risultati di uno studio clinico di tre anni in una popolazione israeliana, trovando che il consumo quotidiano di succo di melograno ha invertito la stenosi dell’arteria carotide fino al 29% entro 1 anno.


Le proprietà del melograno lo rendono attivo rispetto a queste patologie in quanto risulta:



  • Ottimo Anti-infiammatorio: le infiammazioni sono una delle cause delle patologie cardiovascolari ecco perchè il melograno risulta attivo nella cura di queste malattie.

  • Abbassamento della pressione arteriosa: il succo di melograno ha angiotensina naturale che ha proprietà di inibizione dell’enzima di conversione, att

  • Anti-infettivi: Targa accumulo nelle arterie spesso coinvolge l’infezione virale e batterica secondaria, compresa l’epatite C e la Chlamydia pneumonivo nella riduzione della pressione sanguigna.

  • Antiossidante: Uno dei modi in cui i lipidi nel sangue diventano causa della malattia è attraverso l’ossidazione. Il melograno è stato trovato valido nel ridurre lo stress ossidativo nel sangue.


fonte http://ambientebio.it/il-melograno-cura-le-patologie-cardiovascolari








via Cult of Soup http://provetecnichevarie.wordpress.com/2013/07/27/il-melograno-cura-le-patologie-cardiovascolari/

#vk Il pasto della galassia sorpreso da un lontano faro: Il VLT dell’ESO indaga sulla crescita delle galassie... http://dlvr.it/3jhQmw

# Il pasto della galassia sorpreso da un lontano faro: Il VLT dell’ESO indaga sulla crescita delle galassie... http://dlvr.it/3jhQmw



via admin e amici http://abcloud.org/statusnet/notice/542

#vk Prontofetta alle lenticchie: Ingredienti: 1 confezione di lenticchie in scatola (possibilmente bio) misto per... http://dlvr.it/3jhQgd

# Prontofetta alle lenticchie: Ingredienti: 1 confezione di lenticchie in scatola (possibilmente bio) misto per... http://dlvr.it/3jhQgd



via admin e amici http://abcloud.org/statusnet/notice/541

#vk Esperienze Extracorporee e Piani Dimensionali: Ne parla Renzo Samaritani Ram(Nirvan)ANANDA Das 10 agosto dalle... http://dlvr.it/3jhQfn

# Esperienze Extracorporee e Piani Dimensionali: Ne parla Renzo Samaritani Ram(Nirvan)ANANDA Das 10 agosto dalle... http://dlvr.it/3jhQfn



via admin e amici http://abcloud.org/statusnet/notice/540

#vk Danilo Iosz intervista Ivan Ceci: I.C. : Ivan Ceci D.I: Danilo Iosz (di Danilo Iosz) D.I.: Prima di tutto,... http://dlvr.it/3jhQYc

# Danilo Iosz intervista Ivan Ceci: I.C. : Ivan Ceci D.I: Danilo Iosz (di Danilo Iosz) D.I.: Prima di tutto,... http://dlvr.it/3jhQYc



via admin e amici http://abcloud.org/statusnet/notice/539

#vk I miei vent’anni, con Helga Schneider – podcast di “Fahrenheit”: Rai, radio3 File audio: http://goo.gl/xrqQyz... http://dlvr.it/3jhQP6

# I miei vent’anni, con Helga Schneider – podcast di “Fahrenheit”: Rai, radio3 File audio: http://goo.gl/xrqQyz... http://dlvr.it/3jhQP6



via admin e amici http://abcloud.org/statusnet/notice/538

Il pasto della galassia sorpreso da un lontano faro


Il VLT dell’ESO indaga sulla crescita delle galassie


Alcuni astronomi, usando il VLT (Very Large Telescope) dell’ESO, hanno identificato una galassia lontana che sta avidamente nutrendosi del gas nelle vicinanze. Si vede il gas cadere verso la galassia, creando un flusso che alimenta la formazione stellare e al tempo stesso incrementa la rotazione della galassia. Questa è finora la miglior evidenza osservativa che conferma la teoria che le galassie inglobino e divorino il materiale circostante per crescere e formare stelle. I risultati saranno pubblicati nel numero del 5 luglio 2013 della rivista Science.


Gli astronomi hanno sempre sospettato che le galassie crescano attirando materia dai dintorni, ma questo processo si è dimostrato molto difficile da osservare direttamente. Ora il VLT (Very Large Telescope) dell’ESO è stato usato per studiare un raro allineamento tra una galassia distante [1] e un quasar ancora più lontano – il nucleo luminosissimo di una galassia alimentato da un buco nero supermassiccio. La luce del quasar, prima di raggiungere la Terra, passa attraverso la materia che circonda la galassia, rendendo possibile studiare in dettaglio le proprietà del gas intorno alla galassia [2]. Questi nuovi risultati offrono la miglior vista finora di una galassia mentre si nutre.


viaIl pasto della galassia sorpreso da un lontano faro – ALTRO GIORNALE.








via Cult of Soup http://provetecnichevarie.wordpress.com/2013/07/27/il-pasto-della-galassia-sorpreso-da-un-lontano-faro/

Esperienze Extracorporee e Piani Dimensionali

Ne parla Renzo Samaritani


Ram(Nirvan)ANANDA Das


10 agosto


dalle 11 alle 13


su RadioYogaNetwork Canale1


http://www.abcloud.org/soleluna









via Cult of Soup http://provetecnichevarie.wordpress.com/2013/07/27/esperienze-extracorporee-e-piani-dimensionali-2/

Danilo Iosz intervista Ivan Ceci


I.C. : Ivan Ceci


D.I: Danilo Iosz


(di Danilo Iosz)


D.I.: Prima di tutto, Ivan, grazie per la tua disponibilità. La prima domanda che vado a porti è: a che punto è l’ufologia mondiale? Siamo o no, prossimi alla verità?


I.C.: Sul fronte del disclosure molte cose si stanno sicuramente muovendo. Penso per esempio all’importante iniziativa pubblica che si terrà, dal 23 aprile al 5 maggio, a Washington D.C. presso il National Press Club, dove circa 40 tra i più importanti ricercatori e membri di agenzie militari degli Stati Uniti si riuniranno per testimoniare di fronte alla stampa di tutto il mondo le loro ricerche e le loro esperienze riguardo alla realtà della presenza extraterrestre. E’ un’iniziativa che mio giudizio va seguita con estremo interesse sia per le personalità di alto livello che vi parteciperanno, sia per la qualità delle testimonianze e delle evidenze che verranno presentate al pubblico. Detto questo, però, io credo che occorra esaminare la situazione anche da un punto di vista più generale per poter cogliere il senso più profondo di ciò che questa realtà rappresenta per tutti noi, in particolare in questo determinato momento storico.


viaDanilo Iosz intervista Ivan Ceci – ALTRO GIORNALE.








via Cult of Soup http://provetecnichevarie.wordpress.com/2013/07/27/danilo-iosz-intervista-ivan-ceci/

I miei vent’anni, con Helga Schneider – podcast di “Fahrenheit”

Rai, radio3


File audio:

http://goo.gl/xrqQyz


1374844114007parigi_schneider.jpgGli anni della giovinezza di Helga Schneider sono narrati un memoir in cui i grandi snodi formativi sono legati alla scoperta di luoghi simbolici della vecchia Europa appena uscita dalla guerra. Roma, Parigi, Salisburgo, Vienna, l’amore, la gioia, l’eta delle grandi passioni.


http://goo.gl/6yZgxK








via Cult of Soup http://provetecnichevarie.wordpress.com/2013/07/27/i-miei-ventanni-con-helga-schneider-podcast-di-fahrenheit-2/

Polpette aromatiche


Ingredienti:


50 g di granulare di soia

2 patate

200 g circa

1 C di semi di cumino

1 C di shoyu

1 piccola cipolla di Tropea

pangrattato qb


viaPolpette aromatiche – Vegan blog – Ricette Vegan – Vegane – Cruelty Free.








via Cult of Soup http://provetecnichevarie.wordpress.com/2013/07/27/polpette-aromatiche/

Il super-treno di Elon Musk farà 600 km in mezz’ora

Non capisco tutta questa fretta di andare…dove? Il mio limite già è la Frecciabianca (lo prendo a fatica), la Frecciarossa no grazie… ancora di più? Perchè tutto questo? Davvero l’essere umano non capisce che dobbiamo tornare un po’ indietro?


http://it.wikipedia.org/wiki/Movimento_Slow

http://www.abcloud.org/tinyhouseitalia

http://www.movimentolento.it/it


Renzo



Il Giornale OnlineL’imprenditore e inventore americano è pronto a svelare il suo Hyperloop, un progetto che manderà in soffitta gli attuali treni ad alta velocità e batterà la concorrenza con gli aerei.


di Roberto Paura


Qualcuno già lo chiama “l’uomo delle meraviglie”. Elon Musk, oggi a capo di SpaceX, la più grande compagnia spaziale privata, ha mandato le sue navicelle automatiche sulla Stazione Spaziale Internazionale, promette di costruire una colonia su Marte nel corso della sua vita e con la Tesla Motors da lui fondata ha iniziato la produzione di massa di auto elettriche. Questo senza contare il suo precedente come fondatore di PayPal, il metodo di pagamento online più usato al mondo. Ora l’imprenditore americano di origini sudafricane, 42 anni, è pronto a svelare il suo ultimo progetto, l’Hyperloop. Anche se i dettagli non sono ancora noti, si sa già che si tratterà di un treno superveloce in grado di coprire la distanza Los Angeles-San Francisco (circa 600 chilometri) in appena mezz’ora. In un paese come gli Stati Uniti che ha gradualmente abbandonato le ferrovie preferendo gli aerei per gli spostamenti interni, l’Hyperloop promette di essere un’autentica rivoluzione, che andrà incontro ai desideri del presidente Obama di un rilancio delle ferrovie ad alta velocità nel paese, sul modello europeo.


Oltre la levitazione magnetica?

Ma le nostre linee ad alta velocità – fiori all’occhiello in Italia – somiglieranno alle vecchie locomotive a vapore in confronto all’Hyperloop immaginato da Musk.
L’imprenditore americano lo definisce un “quinto mezzo” di trasporto, alternativo in realtà sia ai treni che agli aerei, alle navi e alle autovetture. Annunciato per la prima volta un anno fa, finora i dettagli sono stati oggetto di infinite speculazioni. Quel che si sa è che la realizzazione della prima linea tra le due principali città della California (che distano tra loro grosso modo quanto Napoli e Genova) costerà circa 6 miliardi di dollari. Considerando che la tratta alta velocità Torino-Milano, meno della metà del tragitto, è costata più o meno la stessa cifra, si può immaginare di avere a che fare con qualcosa di davvero innovativo.


Dalle rivelazioni fin qui fatte si sa che l’Hyperloop non avrebbe in realtà bisogno di binari, benché sia generalmente assimilato a un treno. Musk lo definisce più simile a un Concorde da superficie: non supererà il muro del suono ma dovrebbe superare significativamente la velocità di crociera degli aerei di linea e viaggiare a circa 1100 chilometri orari. Per riuscirci, l’Hyperloop dovrà minimizzare l’attrito dell’aria. Ciò fa pensare a un’evoluzione delle attuale ferrovie a levitazione magnetica in funzione in Giappone e su alcune tratte in Germania. Musk ha citato come esempio quello dell’hockey da tavolo (o air hockey). Secondo un abbozzo pubblicato da un ingegnere americano, giudicato da Elon Musk molto vicino al progetto reale, si tratterebbe di un sistema di accelerazione e decelerazione magnetica attraverso un loop (da cui il nome), ossia un circuito chiuso ad anello.


Una metropolitana più veloce di un aereo

Non è chiaro come una simile infrastruttura possa essere realizzata senza eccessivi impatti sull’ambiente circostante.
Musk ha fatto sapere che si potrebbe realizzare sia in superficie che sottoterra e che non subirebbe limiti a causa delle condizioni meteorologiche, né danni in caso di terremoto (eventualità molto probabile in California). L’idea inoltre è più simile a una sorta di metropolitana piuttosto che a un aereo: non ci sarà bisogno di prenotazione e si potrà salirvi sopra in qualsiasi momento, a patto di pagare il prezzo del biglietto, s’intende. Bisognerà poi vedere cosa ne penseranno le autorità americane, che difficilmente permetterebbero di utilizzare un sistema di trasporto così delicato senza una serie di controlli sui passeggeri come avviene oggi con gli aerei. “Quello che volete è un sistema che non si rompa mai, che sia veloce circa il doppio di un aereo, che vada a energia solare e che parta non appena arrivate, senza dover attendere un orario di partenza specifico”, ha inoltre spiegato Musk, lasciando intravedere la rivoluzionarietà del progetto.


Il sogno di Elon Musk sarebbe quello di non sottoporre il progetto a brevetto ma di renderlo noto in modalità open-source, così da permettere a tutti di migliorarlo con eventuali suggerimenti. L’imprenditore ha inoltre dichiarato di essere aperto a partnership per la sua realizzazione pratica. Le aspettative sono molto alte e l’attesa è ormai prossima al termine: con un tweet, ieri, Musk ha infatti annunciato che il progetto e i dettagli dell’Hyperloop saranno resi noti il prossimo 12 agosto. Se si tratterà dell’alba di un nuovo sistema di trasporto, come del resto già sta avvenendo con le auto Tesla e con le navicelle spaziali Dragon, lo sapremo solo allora.


fonte http://altrogiornale.org/news.php?extend.8707.7









via Cult of Soup http://provetecnichevarie.wordpress.com/2013/07/27/il-super-treno-di-elon-musk-fara-600-km-in-mezzora/