Giardini verticali: a Vancouver la piu' grande parete verde del Nord America

parete verde 1


Giardini verticali e tetti verdi si stanno diffondendo un po' in tutto il mondo all'insegna di un'edilizia più sostenibile. In British Columbia ora è nata la parete verde più grande del Nord America. E' opera dello studio di progettazione Green Over Grey, che ha sede a Vancouver.


La parete verde ha una superficie di oltre 10 mila metri quadrati e comprende 50 mila piante, la maggior parte delle quali è nativa proprio della British Columbia. Si tratta di una parete che segue completamente i principi dell'agricoltura idroponica. E' stata progettata con il 100% di materiali riciclati.


L'idea fa parte di Guildford Town, progetto completato nel 2013 con l'ambizione di ottenere la certificazione LEED Gold. Si tratta della prima e unica parete verde del Nord America ad essere stata costruita su un cavalcavia che si estende su una strada trafficata.


La parete verde è doppia ed è esposta sia est che ad ovest. E' un vero e proprio serbatoio per il carbonio, con un'efficacia pari a circa 47 alberi di medie dimensioni. La manutenzione viene eseguita su una piattaforma progettata appositamente, in modo da non richiedere la chiusura della strada. Alla parete è collegato un sistema automatico di irrigazione goccia a goccia.


Mike Weinmaster, progettista e artista ideatore del progetto, ha tratto ispirazione dalla vegetazione lussureggiante delle montagne della British Columbia. La parete est, che è rivolta verso la costa, comprende motivi che rappresentano onde e ciottoli.


parete verde 2


parete verde 3


parete verde 4


parete verde 5


Il lato ovest, che guarda verso l'interno, vede rappresentati dei disegni simbolici di montagne e foreste. Con la sua ricchezza di specie vegetali, questa parete verde si candida per diventare uno dei simboli più variegati dal punto di vista biologico del Nord America. E, soprattutto, contribuirà a ridurre l'inquinamento causato dal traffico.


Marta Albè


Fonte foto: greenovergrey.com


Leggi anche:





...continua sulla fonte http://ift.tt/1rqD0dg che ringraziamo.

Post più popolari