lunedì 31 agosto 2015

Luiz Gonzaga, il biologo brasiliano che ha piantato 3000 alberi per salvare una laguna

luiz gonzaga 1

Da anni Luiz Gonzaga lavora al recupero della laguna di Niteroi, vicino a Rio de Janeiro. Quest'anno approfittando della bassa marea e del clima più secco del solito ha deciso di impegnarsi per piantare centinaia di alberi e riportare il verde in quest'area.

La zona della laguna per anni è stata minacciata dall'erosione. In questo modo non solo alberi e piante, ma anche i volatili, torneranno sulle rive del lago di Italpu per vivere e nidificare, grazie ad un intenso lavoro di riforestazione.

Luiz Gonzaga ha piantato 3000 alberi e in questo modo ha recuperato circa 20 mila metri quadrati di terreno nell'area della laguna. Il progetto per ripristinare questa zona ha avuto inizio nel 2012 ai margini del canale Camboata. Qui la vegetazione è quasi impenetrabile.

Il biologo ha iniziato ad occuparsi di una parte della laguna e si è occupato di proteggere sia le nuove piantine che i granchi che vivono in questa zona. Il biologo brasiliano, passeggiando lungo la laguna, ripete che la natura a volte ha solo bisogno di un piccolo aiuto per mostrare tutta la propria bellezza.

luiz gonzaga

Quando gli alberi cresceranno, potranno fare ombra a granchi, lucertole e uccelli e aiuteranno a mantenere il terreno più stabile, difendendolo dalle erosioni grazie alle loro radici. Ci troviamo in una vera e propria riserva naturale dove l'esperto ora si occupa anche di preservare la biodiversità del lago.

La laguna confina con un parco nazionale dove si svolgono iniziative con i ragazzi per sensibilizzarli al rispetto dell'ambiente. Il lavoro sta dando ottimi risultati e la speranza è che altri possano imitare questa iniziativa di riforestazione.

Marta Albè

Fonte foto: Oglobo

Leggi anche:

PIANTARE ALBERI E' IL MIGLIOR MODO PER RIDURRE LE EMISSIONI DI CO2, LA CONFERMA DI OXFORD

CAMBIARE IL MONDO SEMINANDO ALBERI

UN ALBERO PER OGNI NEONATO E BAMBINO ADOTTATO. ARRIVA LA NUOVA LEGGE

...continua sulla fonte http://ift.tt/1LFr6n8 che ringraziamo.