Il formaggio crea dipendenza, proprio come una droga

formaggi dipendenza

In questi giorni le proteine animali sono al centro del dibattito che vede da una parte la comunità scientifica, dall'altra i consumatori che vogliono capire meglio cosa e quanto portare in tavola di questi alimenti. Dopo la carne rossa e gli insaccati cancerogeni adesso si parla anche del formaggio che sarebbe in grado di creare una vera e propria dipendenza come se fosse una droga.

Queste le conclusioni di uno studio dell’università del Michigan, pubblicato sulla US National Library of Medicine, in cui il team di ricerca ha preso a campione un ampio gruppo di studenti (500 in tutto) analizzando il loro rapporto con il cibo. Si è visto così che tutte le sostanze grasse e di laboriosa digestione (ma in particolare i formaggi) sono cibi non solo particolarmente appetibili ma anche quelli che creano maggiore dipendenza.

Per valutare il grado di soddisfazione e dipendenza dagli alimenti, gli esperti si sono serviti della Scala di valutazione delle ossessioni e compulsioni di Yale, utilizzata per analizzare la risposta delle persone a diversi tipi di alimenti.

Dai questionari si è visto come ad esempio la pizza, in cima al gradimento degli studenti, sia un cibo che possa facilmente diventare come una droga. Ciò sarebbe da imputare proprio alla presenza di mozzarella o formaggio, ingredienti tipici della farcitura.

Secondo gli esperti l’effetto droga del formaggio sarebbe da imputare alla presenza della caseina, proteina tipica del latte vaccino, che nel corso della digestione rilascia le caseomorfine, che agiscono sui recettori celebrali proprio come degli oppiacei. Sarebbe per questo che, chi mangia un pezzo di mozzarella o parmigiano, alla fine si ritrova spesso ad abusare di questi cibi che provocano grande senso di soddisfazione.

Francesca Biagioli

Leggi anche:

FORMAGGI FUSI: 5 BUONI MOTIVI PER RIDURRE IL CONSUMO DI SOTTILETTE E FORMAGGINI

CARNE E LATTICINI ALTERANO VELOCEMENTE LA FLORA INTESTINALE

FORMAGGI SENZA LATTE OTTENUTI CON LA POLVERE: CE LO CHIEDE L'EUROPA

...continua sulla fonte http://ift.tt/1N5eCI4 che ringraziamo.

Post più popolari