giovedì 24 dicembre 2015

I nuovi mattoni rossi che riscaldano la casa in modo naturale (FOTO)

greenme mattoni

Una coppia di architetti colombiani, Miguel Niño e Johanna Navarro, ha deciso di collaborare per reinventare i mattoni tradizionali all’insegna del risparmio energetico. A loro parere, per mantenere la giusta temperatura negli edifici non occorrono le nuove tecnologie.

In particolare desideravano avere a disposizione dei materiali da costruzione che potessero essere prodotti su larga scala senza problemi e venire utilizzati per costruire case migliori nel loro Paese.

Hanno così dato vita a dei mattoni che sono in grado di regolare la temperatura delle case in modo naturale e che diminuiscono così la necessità di materiali supplementari, ad esempio per l’isolamento e per le finiture. In questo modo i tempi di costruzione si riducono drasticamente e si può risparmiare.

Cosa differenzia questi mattoni dagli altri? La genialità dell’idea è soprattutto nella forma e nel loro nucleo semi-vuoto. Per realizzarli gli architetti hanno pensato di fondere la forma rettangolare classica dei mattoni con una forma quadrata a dir poco originale.

Gli spazi vuoti all’interno dei mattoni servono da canali di ventilazione. I mattoni tradizionali permettono di creare una parete piatta la cui superficie si riscalda più facilmente, mentre la forma triangolare aiuta a mantenere una temperatura più costante riducendo l’accumulo del calore.

La forma di questi mattoni facilita anche l’isolamento acustico e può essere utilizzata per abbellire le facciate senza la necessità di ulteriori finiture. La speranza è che dei semplici mattoni da costruzione possano migliorare la qualità della vita delle persone nelle loro case.

greenme mattoni 2

greenme mattoni 3

greenme mattoni 4

greenme mattoni 5

Si tratta di un’idea piuttosto semplice da realizzare che crediamo possa avere fortuna nel mondo a partire dalla Colombia. Cosa ne pensate?

Marta Albè

Fonte foto: Camilo Suz

Leggi anche:

...continua sulla fonte http://ift.tt/1J6cCPC che ringraziamo.