10 consigli per proteggersi da internet (a partire dai bambini)

bambini pc

Dati personali rubati, virus informatici, frodi online, immagini non adatte ai bambini, cyberbullismo. In tema di sicurezza sul web non bisogna mai abbassare la guardia e i dati Eurostat diffusi nei giorni scorsi, in occasione della Giornata europea per la sicurezza su internet, il cosiddetto Safer Internet Day lo confermano. Nel 2005 almeno un europeo su quattro ha avuto problemi di questo tipo.

A essere più sottoposti a rischio sono sicuramente i bambini e gli adolescenti, per questo motivo Telefono azzurro in sinergia con enti, istituzioni, imprese e società civile ha presentato la Carta di Roma, un manifesto ma anche un appello, per proteggere e accompagnare i più piccoli nel variegato mondo digitale. 

Venticinque punti per prevenire e porre fine a pedopornografia, cyberbullismo ma anche, per dare sostegno alle vittime di abusi online e offline. Il tutto grazie a una task force che coinvolge forze dell’ordine specializzate.

Al di la delle normative, online si trovano tantissime linee guida su come difendersi dai pericoli del web. Consigli che vengono dispensati da esperti d’informatica, da associazioni che tutelano i consumatori ma anche da imprese come il Centro sicurezza online di Google.

Ecco le linee guida per fuggire ai pericoli del web:

1) Password

Sono il primo strumento di difesa contro i crimini informatici per cui è importante scegliere password diverse per ogni account, aggiornarle regolarmente e tenere i promemoria in posti non in vista. Bisogna utilizzare una password lunga formata da numeri, lettere e simboli evitando il classico "123456" o il proprio numero di telefono.

2) Controllo accesso

Quando si utilizza il computer pubblico bisogna ricordarsi sempre di disconnettere il proprio account utilizzando il tasto Esci.

3) Gestione di più account

Molti dispositivi supportano più account online. Ciò significa che si può stabilire quale utilizzare e quando. Anche se si esegue l'accesso a più account sullo stesso dispositivo, i dati personali non vengono uniti ai dati degli altri, a meno che non si decida di collegarli.

4) Acquisti online

Prima di inserire i propri dati controllare il sito del rivenditore e verificarne la credibilità e la sicurezza dello stesso, leggendo anche le opinioni di altri utenti che hanno già acquistato. 

5) Protezione dispositivi

Prima cosa da fare è quella di installare un buon software antivirus capace di segnalare tutti i pericoli a cui si può andare incontro.

6) Backup

Effettuare ogni tanto un backup di tutti i documenti e i file importanti presenti nel PC o smartphone o tablet, per non perderli a causa di un errore o per un tentativo di sottrazione e blocco del dispositivo.

7) Web e minori

Controllare sempre i siti in cui navigano e se le applicazioni scaricate sono davvero autorevoli e credibili e dunque, non richiedano informazioni troppo riservate per essere utilizzate.

8) Mail sospette

Occhio alle email sospette inviate da mittenti sconosciuti. Adottare sempre un filtro anti-spam e cancellare immediatamente quei messaggi al cui interno sono inseriti link che indirizzano a siti truffa.

9) Social network

Evitare di rendere pubbliche informazioni personali o di cliccare su pagine sospette e su link troppo brevi, perché potrebbero nascondere insidie fraudolente. 

10) Reti sicure

Controllare sempre l’URL per verificarne la validità e verificare se inizia con https:// o http://: il secondo va bene come il primo, ma solo su quei siti che non richiedono  informazioni e dati personali. La prima dicitura invece indica che la connessione al sito web in questione è crittografata e dunque maggiormente sicura, ancora meglio se accanto allo https:// spicca l’icona di un lucchetto.

Dominella Trunfio

LEGGI anche:

Vivi internet: come navigare sul web in modo più sicuro e proteggere la nostra privacy

...continua sulla fonte http://ift.tt/1KFoclP che ringraziamo.

Post più popolari