Tiroide di Hashimoto: i sintomi e come si riconosce

tiroide

La tiroidite di Hashimoto, quali sono i suoi sintomi? Come si riconosce? Quali sono le cause della tiroide di Hashimoto?

Conosciuta anche come tiroidite linfocitaria o “malattia del benessere”, è una malattia autoimmune della tiroide collegata all’ipotiroidismo. Viene causata dagli anticorpi del nostro stesso organismo, che vengono prodotti in quantità eccessiva e aggrediscono il tessuto tiroideo, fino al punto di provocarne la distruzione. Da qui l’ipotiroidismo, che viene causato dal fatto che la tiroide non funziona più come prima e riduce man mano la sua attività. 

Si tratta di una patologia per lo più diffusa tra le donne e in genere ha origine familiare. Inoltre, è molto più estesa nelle zone con discreto apporto di iodio, mentre si riscontra raramente nelle zone a carenza iodica

I SINTOMI DELLA TIROIDITE DI HASHIMOTO

Ma come si manifesta la tiroidite di Hashimoto, come si riconosce e quali sono le cause? Innanzitutto, è bene sapere che questa malattia tende a restare asintomatica per parecchio tempo, fin quando cioè la produzione degli ormoni tiroidei resta normale. Poi, in generale, i sintomi della tiroidite di Hashimoto sono simili a quelli dell'ipotiroidismo, a sua volta provocato da una produzione insufficiente degli ormoni T3 e T4: si parla quindi di tachicardia, sonnolenza, astenia, insonnia, ingrossamento e indolenzimento della tiroide.

Dagli ormoni T3 e T4, inoltre, dipendono tutta una serie di funzioni vitali, come il metabolismo basale e, anche se in parte, l’attività ovarica nelle donne e la libido, mentre altri sintomi sono:

- caduta dei capelli;
- sensibilità eccessiva al freddo;
- sudorazione molto ridotta;
- rallentamento del metabolismo che porta ad aumento del peso; 
- ansia e depressione;
- pelle secca e unghie fragili;
- ipercolesterolemia;
- cali di memoria
- irregolarità mestruali, polimenorrea (più di un flusso mestruale al mese)
- abortività

COME SI RICONOSCE TIROIDITE DI HASHIMOTO

I sintomi possono essere differenti da persona a persona, per cui per avere una corretta diagnosi è sempre bene rivolgersi a un endocrinologo che valuterà caso per caso molti fattori, inclusa storia familiare e clinica del soggetto. In ogni caso, il primo segno che può essere evidente è il gozzo: palpando, si può infatti riscontrare un ingrossamento della ghiandola. Dopo la palpazione, vanno fatte analisi del sangue specifiche, per controllare i valori di TSH (ormone prodotto dall'ipofisi che regola l'attività della tiroide), FT4 e FT3 (le frazioni libere nella circolazione sanguigna degli ormoni tiroidei), e gli anticorpi (AC) anti-tireoperossidasi (enzima tiroideo), e degli anticorpi anti tireoglobulina (altro valore che quasi sempre è alterato). A tutto ciò si può aggiungere l'esame di AC antirecettore del TSH e l'ecografia. Poi sarà il medico a prescrivere altri esami se sarà il caso.

LE CAUSE

A tutt’oggi ancora non si conoscono i motivi scatenanti della tiroidite di Hashimoto, anche se è praticamente certo che un ruolo fondamentale lo giocano la familiarità, la gravidanza e la menopausa.
Si parla comunque di una causa di natura autoimmune: i linfociti T, globuli bianchi del sangue che fanno parte del nostro sistema di difesa dagli agenti patogeni, si infiltrano nella tiroide e la attaccano, rendendo impossibile la sua funzionalità. Questa ghiandola poi si distrugge e i sintomi peggiorano.

Germana Carillo

LEGGI anche:

Problemi alla tiroide: 10 sintomi più comuni

Tiroide: cibi e consigli per risvegliarla

...continua sulla fonte http://ift.tt/1RJF0aR che ringraziamo.

Post più popolari