lunedì 29 febbraio 2016

Bimbimbici 2016: a primavera tutti a scuola a piedi o in bici

bimbimbici
Per dare il benvenuto alla primavera, il 21 marzo “Tutti a scuola a piedi o in bicicletta”. Anche quest’anno, torna l’appuntamento con Bimbimbici 2016, la manifestazione nazionale promossa dalla Federazione italiana amici della bicicletta (Fiab), che invita tutti a lasciare a casa la propria auto e saltare in sella alle due ruote. 

Gnocchi di patate: 10 ricette per condirli

gnocchi di patate ricette
Gli gnocchi di patate sono uno dei piatti classici della cucina tradizionale italiana. Quando pensiamo alla pasta fatta in casa non possiamo dimenticare i fantastici gnocchi di patate che preparavano le nostre nonne.

Tarassaco: proprietà, usi e controindicazioni

tarassaco rimedio naturale
Il tarassaco, o dente di leone, è una pianta molto utilizzata in fitoterapia. Quali sono le sue proprietà? Quali i suoi utilizzi? E presenta delle controindicazioni? Conosciuta in particolare per le sue doti depurative nei confronti del fegato, il Taraxacum officinale nasconde molte altro.
Scopriamo allora tutti gli usi e le proprietà del tarasacco, ma anche le controindicazioni di questo rimedio naturale.

Zuppa con finocchietto selvatico


Ingredienti: 4 spianate morbide piccole sarde 4 manciate di lievito in scaglie 2 cipollotti 2 pomodori secchi sale fino qb 4 cucchiai di olio evo 1/2 cucchiaio di dado vegetale autoprodotto 1 l di acqua tiepida 600 g di finocchietto selvatico

Gyros a modo mio


Una voglia matta di street food, qualcosa di saporito e colorato. Gyros vegan a modo mio, eccoli qua… Solo che non sono cotti al forno come prevede la ricetta, ma cotti sulla piastra.

Il filtro economico e sostenibile che porta acqua pulita a chi non ce l'ha (VIDEO)

filtro acqua 000
Avere accesso ad acqua pulita e potabile non è un fatto scontato, soprattutto nei Paesi poveri. Per ovviare al problema delle contaminazioni idriche, in India è stato recentemente testato un particolare filtro a basso costo: si tratta di AMRIT, il frutto delle fatiche di un gruppo di ricercatori dell’Indian Institute of Technology, che promette di risolvere il gravissimo problema dell’avvelenamento da arsenico che affligge alcune aree del Paese asiatico.

Olio tunisino senza dazi: il via libera dell'Europa minaccia il Made in Italy?

olio di tunisi
Importazioni di olio tunisino in Europa. Continua la battaglia dell'Italia contro l'autorizzazione dell'Europa all'importazione di olio tunisino senza dazi. Anche se il Made in Italy sembra essere stato tutelato grazie a delle modifiche della legge iniziale, le aziende italiane si sentono ancora sotto minaccia.

Toilet bus: come ti trasformo un autobus in un bagno pubblico itinerante

toilet bus cover
 Quante volte vi sarà capitato, durante le vostre passeggiate o in occasione di un evento mondano, sportivo o musicale, di avere bisogno di una toilet. Purtroppo le nostre città non sono molto attrezzate con bagni pubblici e il più delle volte si ricorre all’ennesimo caffè pur di liberarsi in fretta.

Cosa c'è davvero in assorbenti, tamponi e salvaslip? Glifosato anche nei prodotti ‘ecologici’

assorbenti salvaslip glifosato
Tracce di glifosato in assorbenti, tamponi e salvaslip. I prodotti usa-e-getta per l’igiene femminile sono davvero sicuri? Dopo l’allarme che nei mesi scorsi ha riguardato l’Argentina, ora il ritiro dei prodotti irregolari raggiunge la Francia e il Canada.

Balena spiaggiata in Malaysia, tracce di plastica nel suo stomaco

balena malesia
Un'altra balena morta a causa della plastica. È il caso di un grosso esemplare maschio trovato spiaggiato alla foce del fiume Buaya Sarang a Johor, in Malaysia, qualche giorno fa, con tanto di rifiuti marini nello stomaco.

Glifosato in Europa: quando gli interessi delle multinazionali contano più della salute (PETIZIONE)

autorizzazione glifosato europa efsa

Il glifosato continuerà ad essere venduto in Europa? La Commissione Europea sta pianificando di rinnovare l’autorizzazione per la vendita e l’utilizzo del glifosato in UE per i prossimi 15 anni. L’OMS ha però da poco inserito proprio il glifosato tra le sostanze probabilmente cancerogene per l’uomo.

I rappresentanti nazionali dell’UE voteranno per decidere se rinnovare l’autorizzazione per il glifosato in una riunione che si svolgerà a Bruxelles il 7 marzo 2016. La preoccupazione per il glifosato sta salendo. Negli ultimi giorni tracce di erbicidi sono infatti state ritrovate nelle birre tedesche e negli assorbenti igienici in vendita in Canada e in Francia.

La Commissione Europea vorrà proteggere l’ambiente e la nostra salute o penserà solamente ad avvantaggiare Monsanto rinnovando l’autorizzazione per il glifosato? 

Il glifosato è l’ingrediente principale dell’erbicida Roundup di Monsanto e di altri prodotti simili che vengono normalmente utilizzati in Italia e in Europa sia per l’agricoltura che per il giardinaggio, per la cura dei parchi e per la pulizia dei bordi stradali.

E' una vicenda controversa, che ora vede schierati, da un lato l’Efsa e dall'altro un team di scienziati internazionali. Lo scorso novembre l'Efsa ha dichiarato che è improbabile che il glifosato sia cancerogeno per l’uomo. Ora, però, 96 importanti esperti internazionali ribadiscono la pericolasità del glifosato. Tra loro ci sono anche molti ricercatori dello IARC (OMS). Chiedono all'Europa di ignorare chi ancora oggi sostiene che questo erbicida non sia pericoloso e cancerogeno.

Infatti, secondo quanto riportato dal Guardian, il pronunciamento dell’Efsa sarebbe basato su sei studi finanziati dall’industria e non risulterebbe credibile perché non supportato da sufficienti prove. Questo in sintesi il parere degli scienziati, che hanno indirizzato una lettera sull’argomento al Commissario UE per la salute Vytenis Andriukaitis.

La scorsa settimana altri 14 scienziati hanno firmato una dichiarazione di consenso sulla rivista Environmental Health, dicendo che le stime dell’Efsa sui livelli tollerabili di esposizione al glifosato sono basate su dati scientifici obsoleti.

Il timore è che la scelta di rinnovare l’autorizzazione europea per la vendita del glifosato sia davvero poco trasparente. Greenpeace Europa ha evidenziato che Monsanto per anni ha descritto il glifosato come sicuro, ma ora la scienza ci sta dicendo che si tratta di una grave minaccia per la salute e per l’ambiente.

I rappresentanti nazionali dell’UE voteranno per decidere se rinnovare l’autorizzazione per il glifosato in una riunione che si svolgerà a Bruxelles il 7 marzo 2016. La preoccupazione per il glifosato sta salendo. Negli ultimi giorni tracce di erbicidi sono infatti state ritrovate nelle birre tedesche e negli assorbenti igienici in vendita in Canada e in Francia.

La Commissione Europea vorrà proteggere l’ambiente e la nostra salute o penserà solamente ad avvantaggiare Monsanto rinnovando l’autorizzazione per il glifosato? 

Firma qui la petizione per dire stop al glifosato.

Marta Albè

Leggi anche:

...continua sulla fonte http://ift.tt/1OHyrkt che ringraziamo.

Salviamo Csinska, la cavalla condannata a morte in Ungheria (PETIZIONE)

csinska cavalla ungherese

Ce la farà Csinska? La cavalla ungherese affetta da Aie, anemia infettiva equina, si è vista dapprima condannata a morte nel suo Paese di origine – dove per legge gli animali sieropositivi devono essere abbattuti – e poi ha ricevuto un secco rifiuto da parte del nostro Ministero della Salute per essere ospitata al Centro autorizzato gestito da IHP-Italian horse protection onlus (nonostante la sua patologia nel nostro paese non equivalga a una condanna a morte). 

È per questo motivo che è scattata la petizione su Change.org indirizzata al ministro della Salute, Beatrice Lorenzin. L’iniziativa prende spunto dall’intervento della LNDC-Lega nazionale per la difesa del cane, che ha lanciato un appello a favore di Csinska, rivolto alle nostre autorità sanitarie e all’Ambasciata di Ungheria in Italia e invita i cittadini a fare altrettanto.

Poiché la Direttiva 156 del 30 novembre 2009, in merito agli scambi intracomunitari di cavallidocumenta infatti Piera Rosati, presidente della Lega per la Difesa del Cane – concede la possibilità di deroghe che al momento sono utilizzate solo per mandare i cavalli alla macellazione o per spostamenti da e per gli ippodromi. Mi appello quindi a Lei (si rivolge alla Lorenzin, ndr) affinché, almeno per una volta, si conceda una deroga al fine di salvare un animale invece di condannarlo a morte o allo sfruttamento, mostrando un concreto amore e rispetto per la vita di una creatura senziente che non ha colpe e non rappresenta un pericolo per nessuno”.

Anche l’ENPA-Ente nazionale protezione animali e Progetto Islander sono in mobilitazione perché Csinska, sieropositiva sì ma sana, non vada ingiustamente incontro alla morte.

Lo stesso Silvio Borrello, direttore generale della Sanità animale e del farmaco veterinario, ha chiesto, anche attraverso la nostra Rappresentanza italiana a Bruxelles “che le autorità sanitarie ungheresi sospendano l’abbattimento in attesa di trovare una idonea soluzione”.

Intanto domani, in seno al Comitato che si riunirà a Bruxelles, il rappresentante italiano chiederà alla Commissione un proprio intervento mentre, alla luce della normativa vigente, è chiaro che non sono possibili deroghe per il trasporto da un Paese all’altro: il veterinario ungherese dovrebbe dichiarare che l’animale è esente da malattie previste dalla dir. 2009/156 e rilasciare apposito certificato.

Insomma, si tratta di applicare almeno per una volta una deroga, decisamente diversa da tutte quelle che troppo spesso si concedono a chi della vita degli animali ne fa un vero e proprio commercio. A noi non resta altro che appellarci alla bontà delle nostre istituzioni sanitarie e firmare qui la petizione.

Germana Carillo


LEGGI anche:

Salviamo i lupi dall'abbattimento, #soslupo (petizione)

Ruby, la cagnolina-infermiera che assiste gli animali salvati dal macello

...continua sulla fonte http://ift.tt/1VMDQMU che ringraziamo.

Leonardo Di Caprio conquista l'Oscar: il suo primo pensiero è per la Terra e gli indigeni

oscar dicaprio cover

Il cambiamento climatico è reale” almeno quanto la statuetta che stringe tra le mani. Leonardo Di Caprio ha finalmente conquistato l'Oscar. Dopo cinque nomination, l'attore ce l'ha fatta. E durante la premiazione il suo pensiero è andato ancora una volta al pianeta e alla lotta contro i cambiamenti climatici.

Fresco fresco di Golden Globe dedicato alle popolazioni indigene che lottano ogni giorno per difendere le proprie terre dagli interessi delle multinazionali, la scorsa notte Di Caprio ha ottenuto l'Oscar come migliore attore per il film The Revenant.

LEGGI anche: THE REVENANT - REDIVIVO: ECCO PERCHÉ L'ULTIMO FILM DI DI CAPRIO È UN INNO ALLA NATURA

Questa volta l'odore di Oscar era nell'aria. Se ne parlava (e ironizzava!) da mesi. In tanti hanno atteso le premiazioni la scorsa notte, sostenendo Di Caprio anche sui social network, soprattutto su Twitter:

{source}
<a class="twitter-timeline" href="https://twitter.com/hashtag/CongratsLeo" data-widget-id="704222705739042816">Tweet riguardo #CongratsLeo</a>
<script>!function(d,s,id){var js,fjs=d.getElementsByTagName(s)[0],p=/^http:/.test(d.location)?'http':'https';if(!d.getElementById(id)){js=d.createElement(s);js.id=id;js.src=p+"://platform.twitter.com/widgets.js";fjs.parentNode.insertBefore(js,fjs);}}(document,"script","twitter-wjs");</script>
{/source}

Con la statuetta in mano e la voce emozionata, l'attore americano ha detto:

“The Revenant è il prodotto degli sforzi instancabili di un cast e di una troupe incredibile con cui ho avuto modo di lavorare”.

oscar dicaprio

Ha ringraziato i familiari e la compagna ma poi ha rivolto il suo pensiero al pianeta Terra, alla lotta ai cambiamenti climatici e alla volontà di fare davvero qualcosa di concreto per limitare il peso dell'uomo sul pianeta.

{source}
<blockquote class="twitter-tweet" data-lang="it"><p lang="en" dir="ltr"><a href="https://twitter.com/hashtag/ClimateChange?src=hash">#ClimateChange</a> action starts w/ electing leaders who&#39;ll make brave &amp; vital changes needed to save our planet. Visit <a href="https://t.co/PWFl863hdq">http://ift.tt/1KXbUpc; Leonardo DiCaprio (@LeoDiCaprio) <a href="https://twitter.com/LeoDiCaprio/status/704179489488703488">29 febbraio 2016</a></blockquote>
<script async src="//platform.twitter.com/widgets.js" charset="utf-8"></script>
{/source}

The Revenant, nelle parole di DiCaprio, riguarda il rapporto dell'uomo con il mondo naturale.

“Un mondo che nel 2015 ha sperimentato l'anno più caldo della storia. La nostra produzione ha avuto bisogno di raggiungere il punto più a sud di questo pianeta solo per riuscire a trovare la neve. Il cambiamento climatico è reale, sta accadendo in questo momento. È la minaccia più urgente di tutta la nostra specie, abbiamo bisogno di lavorare insieme e smettere di rimandare” ha detto durante la premiazione.
“Dobbiamo sostenere i leader di tutto il mondo che non parlano per i grandi inquinatori, ma che parlano per tutta l'umanità, per le popolazioni indigene di tutto il mondo, per i miliardi e miliardi di persone svantaggiate là fuori che sono maggiormente colpite da tutto ciò. Per i figli dei nostri figli, e per quelle persone la cui voce è stata soffocata dalle politiche di avidità. Vi ringrazio tutti per questo fantastico premio stasera. Cerchiamo di non dare questo pianeta per scontato”.

oscaLeo

Così si conclude il suo discorso, con un forte richiamo al fragile equilibrio della Terra, minacciata dall'uomo.

{youtube}dyp_DVgT260{/youtube}

Con l'ambita statuetta in mano ma con nella mente ben chiara l'idea che occorre agire perché i cambiamenti climatici non sono un film ma purtroppo realtà.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

5 COSE CHE LEONARDO DI CAPRIO HA FATTO PER L'AMBIENTE NEL 2015

LEONARDO DI CAPRIO DISINVESTE DALLE FOSSILI: LA FONDAZIONE PUNTA SULLE RINNOVABILI

LEONARDO DI CAPRIO DIFFONDE COWSPIRACY, DOCUMENTARIO SUGLI ALLEVAMENTI E SUL LORO IMPATTO (VIDEO)

LEONARDO DI CAPRIO: TUTTA LA VERITÀ DELLO SCANDALO VOLKSWAGEN IN UN FILM

LEONARDO DI CAPRIO DONA 15 MILIONI DI DOLLARI PER SALVARE IL PIANETA

...continua sulla fonte http://ift.tt/1KXbUpk che ringraziamo.

Hatha Yoga: origini, benefici e posizioni principali

hatha yoga asana benefici

Lo Hatha Yoga è lo stile di Yoga più diffuso in Occidente. Si basa soprattutto sulla pratica delle asana, cioè di posizioni del corpo da mantenere in maniera comoda e stabile. Impariamo a conoscere le origini, i benefici e le posizioni principali dello Hatha Yoga.

State scegliendo uno stile di Yoga da seguire? Se siete agli inizi del vostro percorso lo Hatha Yoga fa per voi perché è molto utile per introdurre il corpo e la mente alla pratica delle asana e perché vi servirà per avvicinarvi via via alle pratiche yogiche legate alla respirazione, alla concentrazione e alla meditazione.

Hatha Yoga, le origini

Lo Hatha Yoga è nato in India e nel corso del tempo è approdato in Occidente. Le origini dello Hatha Yoga si perdono nei secoli ma esistono due testi antichi testi che vengono considerati i riferimenti principali per questa pratica: gli Yoga Sutra di Patanjali e lo Hatha Yoga Pradipika di Svatmarama.

Il termine Yoga in sanscrito significa unione. Lo Hatha Yoga con le proprie pratiche promuove l’unione tra corpo e mente. Possiamo intendere questa unione come armonia ed equilibrio tra corpo e mente. Lo Yoga nel suo significato più puro ha però un obiettivo molto più elevato: l’unione tra la coscienza individuale dell’uomo e la coscienza universale.

Il termine Hatha significa forza, tenacia. Grazie alla pratica delle asana possiamo allenare con costanza il nostro corpo ad assumere delle posizioni che possono avere degli effetti benefici sia dal punto di vista fisico che a livello della mente.

L’Occidente ha interpretato lo Yoga soprattutto come una pratica fisica incentrata sul corpo, ma non si tratta in realtà soltanto di un allenamento o di una ginnastica. Chi ha iniziato a praticare le asana lo sa bene, dato che ciò rappresenta un aspetto che si inizia a percepire sin dalle prime lezioni.

Hatha Yoga, i benefici

Ricordiamo che per ottenere davvero dei benefici dallo Hatha Yoga è necessaria una pratica costante. L’ideale è iscriversi a un corso di Hatha Yoga con lezioni da seguire una o due volte alla settimana e nel frattempo continuare la pratica personale a casa.

I benefici dello Hatha Yoga coinvolgnono la nostra salute psico-fisica. I primi benefici dello Hatha Yoga riguardano il corpo e sono piuttosto evidenti. Infatti grazie alle pratica delle asana il nostro corpo diventa più flessibile, i muscoli e le articolazioni via via perdono la rigidità causata da una vita troppo sedentaria mentre le ossa si rigenerano proprio grazie al movimento.

La pratica costante delle asana rende il corpo più elastico e tonifica i muscoli grazie ad esercizi fluidi ma comunque mai troppo faticosi. Da questo punto di vista la pratica dello Hatha Yoga ci insegna fin da subito a riconoscere i nostri limiti. Solo quando accettiamo e riconosciamo i nostri limiti – dal punto di vista fisico e non solo – possiamo iniziare a lavorare su noi stessi per migliorarci e, se vogliamo, per superarci.

Lo Hatha Yoga insegna il non giudizio. Nella pratica non ci deve essere competizione con gli altri. In realtà la gara non è nemmeno con se stessi, dato che i risultati migliori si raggiungono sì con l’impegno ma soprattutto con la capacità di abbandonarsi al flusso della pratica e di lasciarsi andare senza rimanere troppo ancorati a ciò che si è o che si crede di essere.

Inoltre lo Hatha Yoga migliora la postura, può risultare benefico per alleviare il dolore soprattutto per chi soffre di mal di schiena, praticando le asana più adatte, e ha una decisa azione calmante e rilassante.

Gli esercizi di respirazione dello Hatha Yoga ci aiutano ad inspirare ed espirare con più tranquillità. Quando il respiro rallenta, la mente si calma ed è proprio questo uno degli effetti benefici dello Hatha Yoga che stupisce di più chi si avvicina alla pratica. Nella vita quotidiana infatti sembra quasi impossibile fermarsi per qualche minuto e respirare con calma per rilassare il corpo e la mente.

Hatha Yoga, le posizioni principali

Nello Hatha Yoga troviamo numerose posizioni, chiamate asana, che vengono raggiunte con precisi movimenti del corpo, abbinati ad una corretta respirazione, e che poi vanno mantenute in modo stabile e comodo per un tempo che può variare a seconda del proprio livello di pratica.

Un insegnante di Hatha Yoga qualificato sa guidare i propri allievi nella pratica delle posizioni e creare delle sequenze ben bilanciate in modo da allenare in modo equilibrato tutto il corpo e da alternare ai movimenti e alle asana dei momenti di pausa, di ascolto del proprio corpo e di rilassamento.

Ecco alcune delle posizioni principali dello Hatha Yoga.

1) Hatha Yoga: la posizione del cobra

posizione del cobra

Per eseguire la posizione del cobra (Bhujangasana) si parte da proni. Ci si distende sul tappetino portando i palmi delle mani al di sotto delle spalle. I gomiti sono piegati e vanno mantenuti vicino al corpo. Con un’inspirazione si allungano leggermente le braccia per sollevare il torace da terra. La zona dell’ombelico rimane a contatto con il tappetino. Il consiglio è di contrarre i glutei per proteggere la zona delle lombari.

2) La posizione della barca nell'Hatha Yoga

navasana posizione della barca

La posizione della barca (Navasana) è una posizione di equilibrio che coinvolge la colonna vertebrale e i muscoli addominali. E’infatti la forza degli addominali insieme alla nostra capacità di equilibrio a permetterci di mantenere la posizione. Per praticare la posizione della barca sedetevi sul tappetino, avvicinate le ginocchia al petto portando le piante dei piedi a terra, inclinate la schiena e sollevate le gambe formando un angolo di circa 45° con il pavimento. Poi sollevate le braccia e portatele parallele al pavimento e distendetele ai lati delle gambe.

3) Hatha yoga, la posizione dell’albero

posizione albero yoga tree pose

La posizione dell’albero (Virksasana) è una delle asana più note dello Hatha Yoga. Si tratta di una posizione di equilibrio. Nella posizione dell’albero le nostre gambe simboleggiano il tronco mentre le braccia sono i rami. In questa posizione dobbiamo prima radicarci a terra per poi sollevare le braccia. Bisogna mantenere l’equilibrio su una gamba e sollevare l’altra portando la piante del piede all’altezza della caviglia o della coscia. I palmi delle mani si uniscono e rimangono all’altezza del petto oppure si portano le braccia oltre la testa.

4) La posizione del cane a testa in giù

svanasana

Forse conoscete già la posizione del cane a testa in giù (Adho Mukha Svanasana) perché insieme alla posizione del cobra fa parte della nota sequenza del Saluto al Sole. Per praticarla ci portiamo in quadrupedia sul tappetino, con i piedi leggermente distaccati tra loro e le braccia tese. Da qui ci solleviamo e facciamo in modo di portare i talloni verso terra e di allungare la schiena e le braccia per formare una V rovesciata.

5) La posizione del triangolo nell'Hatha Yoga

trikonasana

La posizione del triangolo (Utthita Trikonasana) è una posizione di allungamento laterale. Per eseguirla divaricate le gambe mantenendo le punte dei piedi sulla stessa linea. Ruotate il piede destro verso l’esterno di 90° e il piede sinistro leggermente verso l’interno. Controllate che il bacino rimanga frontale. Quindi allungate il busto verso destra senza piegarvi in avanti o all’indietro e appoggiate la mano destra nel punto in cui arrivate, ad esempio sul polpaccio o sulla caviglia destra. In questa posizione non è tanto importante toccare terra con la mano ma è fondamentale mantenere un corretto allineamento delle braccia, delle gambe, della testa e della schiena. Come punto di appoggio per la mani che non arriva a terra potete usare un mattoncino da Yoga.

Hatha Yoga, il vero segreto

Per concludere, ecco un piccolo segreto: la vera pratica dello Yoga non avviene quando ci troviamo sul tappetino ad esercitarci con le asana ma in tutte le azioni che compiamo nella vita quotidiana. La vera sfida è dunque quella di riuscire a mantenere la calma e nello stesso tempo di avere la forza necessaria per continuare a lottare per aggiungere i nostri obiettivi mentre stiamo affrontando la vita di tutti i giorni e il nostro tappetino da Yoga ci aspetta semplicemente a casa arrotolato in un angolo.

Marta Albè

Leggi anche:

YOGA: ECCO COME TRASFORMA CORPO E MENTE DALLA PRIMA LEZIONE IN POI

10 MOTIVI PER PRATICARE YOGA (SESSO COMPRESO)

IL RIMEDIO NATURALE CONTRO IL MAL DI SCHIENA? LO YOGA

 

...continua sulla fonte http://ift.tt/1LPb5K2 che ringraziamo.

Grano saraceno: 10 ricette facili da provare

grano saraceno ricette

Il grano saraceno dal punto di vista botanico non è un vero e proprio cereale ma in cucina lo possiamo utilizzare proprio come se lo fosse, a partire dai suoi chicchi. Impariamo a cucinare il modo saraceno in tanti modi diversi.

In cucina il grano saraceno è un valido aiuto per preparare piatti senza glutine, dato che è naturalmente gluten-free. Possiamo scegliere il grano saraceno come ingrediente per i nostri primi piatti, ad esempio per le zuppe, ma anche per i secondi. Infatti il grano saraceno è perfetto per preparare in casa burger e crocchette.

Con il grano saraceno potrete realizzare vari tipi di piatti, seguendo ad esempio delle ricette vegetariane, vegane o senza glutine. Ecco una raccolta di ricette con il grano saraceno che ti potrà essere davvero molto utile per sperimentare nuovi piatti in cucina.

1) Grano saraceno, ricetta con zuppa di verdure

Con il grano saraceno potrete preparare delle gustose zuppe di verdure, leggere e adatte anche a chi non può assumere glutine. Tra le verdure da aggiungere alle vostre zuppe potrete scegliere carote, sedano e patate. Qui la ricetta.

grano saraceno 1

Fonte foto: Lo spicchio d’aglio

Leggi anche: Vellutate d'autunno: 10 ricette tutte da gustare

2) Grano saraceno, ricetta con ceci e broccoli

Con i ceci lessati, i broccoli siciliani e lo zenzero grattugiato potrete preparare un gustoso condimento per un primo piatto a base di grano saraceno, da insaporire con olio extravergine d’oliva e yogurt magro. Qui la ricetta.

grano saraceno 2

Fonte foto: Una nutrizionista in cucina

3) Insalata di grano saraceno

Con il grano saraceno potrete preparare un’insalata da servire come primo piatto freddo in estate o come antipasto tutto l’anno. Condite la vostra insalata di grano saraceno con capperi, olive e carote. Qui la ricetta.

Leggi anche: INSALATE DI CEREALI: 10 RICETTE PER TUTTI I GUSTI

grano saraceno 3

4) Pastiera senza glutine con grano saraceno

Se state cercando una ricetta alternativa alla pastiera tradizionale perché siete intolleranti al glutine, ecco che potrete sostituire il frumento utilizzato per il ripieno con il grano saraceno, che è naturalmente gluten-free. Qui la ricetta.

grano saraceno 4

Fonte foto: Piatto Forte

Leggi: Pastiera napoletana: la ricetta vegan per Pasqua

5) Polpette di grano saraceno

Potrete scegliere il grano saraceno come ingrediente per preparare delle polpette vegetariane o vegane fatte in casa, abbinandolo alle verdure o ai legumi. Qui e qui trovate due ricette interessanti da cui prendere spunto.

grano saraceno 5

Fonte foto: My Cooking Idea

Leggi: Polpette vegetali: 10 ricette per tutti i gusti

6) Burger di grano saraceno

Scegliete il grano saraceno per preparare in casa i vostri burger a base di cereali, verdure e legumi. Ad esempio potrete preparare dei burger di grano saraceno e ceci, oppure di grano saraceno e lenticchie. Qui una ricetta da cui prendere spunto.

grano saraceno 6

Fonte foto: Una gatta in cucina

Leggi anche: 5 ricette di burger vegetali

7) Sformato di cavolfiore con grano saraceno

Grano saraceno, cavolfiore, noci, farina integrale, tofu, salsa di soia e olio extravergine d’oliva sono i semplici ingredienti con cui potrete preparare uno sformato davvero insolito per stupire i vostri ospiti. Qui la ricetta.

grano saraceno 7

Fonte foto: Cucina Ora

8) Ricetta grano saraceno al forno

Preparare il grano saraceno al forno, ecco un’ulteriore suggerimento per cucinare questo delizioso cereale senza glutine. Potrete abbinare i chicchi di grano saraceno alle vostre verdure di stagione preferite. Qui la ricetta da seguire.

grano saraceno 8

Fonte foto: La Biolca

9) Frittelle salate di grano saraceno

Sapevate che il grano saraceno è un ripieno adatto per preparare in casa delle frittelle salate? Agli ingredienti per il ripieno delle vostre frittelle di grano saraceno potrete aggiungere dei broccoli o altri ortaggi di stagione. Qui la ricetta.

grano saraceno 9 9

Fonte foto: Buonissimo

Leggi: Frittelle a costo zero: 10 ricette con fiori ed erbe spontanee

10) Grano saraceno con carciofi e olive

Se amate i carciofi non potete lasciarvi sfuggire l’abbinamento con il grano saraceno. Otterrete un primo piatto caldo o un’insalata di grano saraceno davvero ottimi. Allora mettetevi al’opera per gustare questa nuova prelibatezza. Qui la ricetta da cui prendere spunto.

grano saraceno 10

Fonte foto: La Gaia Celiaca

Avete altre ricette con il grano saraceno da suggerire?

Marta Albè

Leggi anche:

GRANO SARACENO: PROPRIETA’, BENEFICI E INDICE GLICEMICO

SEMI DI GRANO SARACENO: PROPRIETA’, USI E DOVE TROVARE IL “GRANO NERO”

CROSTATA VEGAN CON FARINA DI GRANO SARACENO E CONFETTURA DI MIRTILLI (SENZA GLUTINE)

 

...continua sulla fonte http://ift.tt/1ThaxVt che ringraziamo.

La moria delle api mette a rischio l’agricoltura e il nostro cibo, l'allarme dell'ONU

moria api ipbes

La moria delle api sta mettendo a rischio la produzione agricola e il nostro cibo. L’impollinazione è infatti responsabile del 5-8% della produzione agricola globale. L’allarme giunge dall’ONU in occasione di un incontro internazionale dell'IPBES sulla biodiversità che si è appena svolto in Malesia.

Non soltanto le api, ma anche le farfalle e altre specie importanti per l’impollinazione sono in declino. Un fenomeno che minaccia la produzione alimentare mondiale. Il problema al momento riguarda soprattutto l’Europa e il Nord America ma è stato identificato anche in altre parti del mondo.

Tra le cause gli esperti indicano i cambiamenti climatici, i pesticidi, l’inquinamento, la perdita degli habitat naturali e la diffusione di agenti patogeni. L’IPBES ha sottolineato l’importanza di proteggere gli insetti impollinatori per assicurarci una produzione stabile di frutta e verdura nei prossimi decenni.

Più di tre quarti delle principali coltivazioni alimentari globali dipendono in gran parte dall’impollinazione naturale. Tali valutazioni sono il frutto del lavoro di 80 scienziati che dal 22 al 28 febbraio 2016 si sono riuniti a Kuala Lumpur per riassumere i risultati di quattro anni di ricerca.

In Europa il 9% delle specie di api e farfalle sono a rischio di estinzione. Il declino delle api ha raggiunto il 37% delle specie mentre si parla del 31% per le farfalle. Anche i pipistrelli e altri animali che si occupano dell’impollinazione si trovano in pericolo in tutto il mondo.

Gli esperti ricordano che la produzione di quasi tutta la frutta che mangiamo e di molte verdure dipende dall’impollinazione. Ecco dunque perché è sempre più importante difendere le api, le farfalle e altri insetti impollinatori.

La moria degli insetti impollinatori secondo i ricercatori può portare a rese dei raccolti più basse, ad un aumento dei prezzi per i consumatori e ad una riduzione dei profitti agricoli. Ecco allora che si tratta di una questione sociale ed economica, oltre che ambientale. I Governi più coinvolti dovrebbero dunque intervenire per migliorare la situazione, magari a partire dalla messa al bando dei neonicotinoidi, i pesticidi killer delle api.

Marta Albè

Leggi anche:

...continua sulla fonte http://ift.tt/1LPb5JO che ringraziamo.

La libreria che ha vietato l'uso di tablet e smartphone: qui si aprono solo i libri

libreria londra cop

In un mondo dominato dagli e-book reader, c’è ancora qualcuno che preferisce il rassicurante libro cartaceo. A Londra, gli architetti spagnoli Selgas e Lucia Cano di Selgascano hanno progettato la New London, una libreria che vieta l’uso di qualsiasi dispositivo elettronico, in primis i telefoni cellulari.

Gli interni della libreria ricordano un labirinto in cui i lettori possono entrare e perdersi letteralmente tra centinaia di volumi. A ispirare gli architetti è stata la Biblioteca di Babele narrata dall’autore argentino Jorge Luis Borges, un enorme biblioteca universale di sale esagonali piene di libri.

Nella libreria londinese, gli scaffali sono irregolari e fatti di materiale riciclato e sono posizionati accanto a specchi che creano un effetto ottico particolare. L’unica tecnologia presente, un computer, serve per l’inventario, per tutto il resto la parola d’ordine è no-tecnologia.

libreria londra

libreria londra1

Crediamo nel valore dei libri e della letteratura, ma oggi molte cose vengono uccise dal digitale. Ma una delle gioie più grandi rimane l’acquisto di un libro cartaceo e le librerie sono il posto migliore per trovare nuove idee, spiega il co-fondatore della libreria Rohan Silva, al Dezeen.

Il progetto della libreria sottolinea sia l'artigianato e sia la gioia della scoperta. Le morbide linee dei ripiani sembrano rispecchiarsi l'un l'altro e a loro volta si riflettono negli specchi degli interni. Ciò permette di trovare un libro con facilità, scorrendo velocemente lo sguardo e ampliando il proprio orizzonte, dice l’altro fondatore Sam Aldenlton, sulla stessa rivista.

libreria londra5

Se siete a Londra e avete voglia di staccare dalla routine tecnologica, la New London si trova al 65 di Hanbury Street.

Dominella Trunfio

Photo credit: Selgascano

LEGGI anche:

A Tokyo la libreria hotel dove addormentarsi leggendo un libro

Le 10 librerie più belle d'Italia

...continua sulla fonte http://ift.tt/1RzdWLt che ringraziamo.

La bellezza mozzafiato dei fiumi intrecciati (FOTO)

fiumi intrecciaticop

Guardandoli dall’alto sono davvero spettacolari, sono i fiumi intrecciati che si incorniciano perfettamente al paesaggio che li circonda.

La maggior parte dei fiumi scorrono in larghi canali ma può capitare, che alcuni siano divisi e poi intrecciati in piccoli corsi d’acqua.

La morfologia fluviale è molto particolare, tant’è che guardando le immagini aeree non si comprende subito ciò che si sta osservando. A meno che, non si abbia già avuto la fortuna di vedere i canali intrecciati fra loro all’interno di un alveo ghiaioso profondo e ampio.

Fiumi di questo tipo sono in Islanda, in India, in Nuova Zelanda tanto per citarne alcuni. Di solito, sono in zone di montagne e in zone ghiacciate e sono caratterizzati da forti pendenze.

Ecco alcuni dei più bei esempi di fiumi intrecciati:

Fiume Waitaki, Nuova Zelanda

fiumi intrecciati1Photo credit: Google Earth

Fiume Waimakariri, Nuova Zelanda

fiumi intrecciati2Photo credit

fiumi intrecciati3Photo credit

fiumi intrecciati4Photo credit: Google Earth

Rakaia River, Nuova Zelanda

fiumi intrecciati5Photo credit

fiumi intrecciati6Photo credit

fiumi intrecciati7Photo credit

Fiume Paraná, Sud America

fiumi intrecciati8Photo credit

Fiume Ob, Russia

fiumi intrecciati9Photo credit

Islanda

fiumi intrecciati10Photo credit

Dominella Trunfio

 Fiume Congo Photo credit

LEGGI anche:

10 (+1) STRAORDINARI LAGHI A FORMA DI CUORE

...continua sulla fonte http://ift.tt/21v1F2V che ringraziamo.

Allerta alimentare: Eurospin ritira zuppa di pesce per presenza di mercurio

allerta zuppa

Nuova allerta alimentare. Eurospin ha ritirato dai propri scaffali la zuppa di pesce Ondina per presenza di mercurio superiore ai limiti di legge consentiti.

In particolare, il mercurio sarebbe presente nel palombo mentre, secondo quanto sostiene Eurospin, gli altri ingredienti della zuppa non ne sarebbero coinvolti.

Il lotto ritirato è quello da 800 grammi indicato con LM 11/152063 ed è stato distribuito presso i punti vendita delle seguenti regioni: Emilia Romagna, Friuli, Liguria, Lombardia, Piemonte, Trentino, Veneto, Sicilia e Calabria.

Chiunque lo avesse acquistato non deve consumarlo e deve riportarlo presso il supermercato in cui è stato acquistato per ottenere un cambio o un rimborso.

ritiro zuppa

Nei giorni scorsi, Eurospin aveva ritirato dai propri scaffali anche le trance di verdesca di Natural Sea per possibile inquinamento a causa di un difetto nel confezionamento.

Francesca Mancuso

LEGGI anche:

ALLERTA ALIMENTARE: RITIRATE TRANCE DI VERDESCA PER RISCHIO INQUINAMENTO

GLIFOSATO NELLE BIRRE TEDESCHE: TUTTI I MARCHI COINVOLTI

ALLERTA ALIMENTARE: FRAMMENTI DI ALLUMINIO NEI WURSTEL DI POLLO CARREFOUR

ALLERTA ALIMENTARE: PLASTICA NELLE BARRETTE. MARS E SNICKERS VIA DAGLI SCAFFALI D'EUROPA

...continua sulla fonte http://ift.tt/1RewIoG che ringraziamo.