venerdì 11 maggio 2012

Qualcuno aiuti questa donna prima che sia troppo tardi

Mi sento svuotata,stanca e vuota.
Perche' ieri sera volevo portare in camera il libro di Ferrini liberta' dalla solitudine e dalla sofferenza,solo che mi ha tirato una bottigliata in testa di plastica vuota e mi ha fatto male cosi' ho posato il libro e l'ho lasciato in salotto cucina. Poi su mi ha minacciato di darmi altre botte se non andavo a lavarmi e non venivo a letto nuda,invece le altre sere potevo stare con le calze di lana e la camicia da notte coprente e al ginocchio.
In piu' mezza nuda e dalla vergogna  vedendo il mio viso contrariato di essere nuda davanti a lui mi ha staccato il reggiseno in silicone dicendomi di buttare via questa roba e solo con un gesto rompendomelo in due pezzi. Guarda cosa hai fatto,mel'hai rotto dico io dispiaciuta con un filo di voce.
E lui,questa robaccia non ti fa respirare la pelle. E' possibile che una di 33 anni porti questo coso appiccicato al seno. E io: Guarda che molte donne lo portano sotto i vestiti... E lui le sciagurate come te,lo portano.
Non abbiamo avuto rapporti sessuali avendoglielo detto 300 mila volte. E non avendomi forzato a farlo per fortuna.
Volevo tornare a casa pero' avevo paura che mi piacchiasse.

Qualche assistente sociale dovrebbe intervenire ufficialmente e in fretta per aiutare questa donna che descrive ogni giorno sul suo blog le violenze che sta subendo da quell'uomo, che mi sembra stia diventando sempre più violento). Qualcuno intervenga prima che sia troppo tardi!