venerdì 17 agosto 2012

Tortino indiano con crema di piselli

Ingredients:

Instructions:

Per prima cosa, seguendo il consiglio della proprietaria del negozio indiano, ho frullato le lenticchie dopo aver sciacquate sotto l’acqua corrente, con acqua q.b per rendere la pastella abbastanza densa ma non eccessivamente. Deve essere densa ma deve anche potersi staccarsi velocemente dal cucchiaio quando la dovrete disporre sulla piastra per per preparare le frittelle. Dopo averle frullate, la pastella rimarrà un pò granulosa, aggiungete l’olio e le spezie e mescolate per amalgamare bene tutti gli ingredienti. Io per preparare le frittelle ho utilizzato la mia crepiera… Che ho semplicemente umidificato con un tovagliolo bagnato e poi messa sul fornello a scaldare. Appena era ben calda ho versato due cucchiai di pastella di lenticchie disponendola a forma di cerchio con l’aiuto del cucchiaio. Ho cotto una frittella per volta, sono sufficienti pochi minuti per lato giusto il tempo che si dorino per bene su ambo i lati, ovviamente per girarle ho utilizzato l’apposita palettina piatta che risulta essere molto utile per scaravoltare le frittelle e le crepes ;) . Dopo aver terminato con le frittelle ho preparato la cremina di piselli semplicemente frullando i piselli stufati con lo spicchio d’aglio tagliato a pezzettini, acqua q.b, un filo d’olio evo, un pizzico di curry e di peperoncino. Pronta anche la crema ho assemblato il tutto… Ho disposto una bella cucchiaiata di crema di piselli sul fondo del piatto, sopra la frittella di lenticchie, una cucchiaiata di crema di piselli e così fino alla fine degli ingredienti. L’ultimo strato deve essere di crema di piselli, sopra al quale ho disposto alcuni pisellini interi che avevo lasciato da parte per decorare, un pizzico di curcuma e peperoncino ed un ultimo goccino d’olio evo. Come ho detto un pranzo delicato e delizioso, non mi è dispiaciuto per nulla… A proposito, spero che uno dei miei prossimi viaggi, e non che io ne faccia molti  , sia proprio la meravigliosa India… Ovviamente è un paese molto povero e visitandolo potrei toccare con mano realtà davvero tremende, nonostante questo non mi spaventa, al contrario continua ad affascinarmi proprio la forza di volontà della popolazione che nonostante le difficoltà e le malattie sui loro volti pervade il sorriso e poi hanno una spiritualità che li eleva e li rende unici nel loro essere, per non parlare poi dello yoga, una pratica, uno disciplina (chiamatela come volete) che mi affascina tantissimo e fa aumentare in me la voglia di visitarla e di viverla!! Le lenticchie ovviamente sono, come ogni legume, molto proteiche… E di tanto in tanto alla settimana, una buona dose di proteine buone e vegetali ci vuole proprio!