Occhio ai pesticidi: 12 frutti e ortaggi da scegliere sempre bio

dirty dozen 2016

Bio o non bio? Questo è il problema. L’Environmental Working Group (EWG) ha pubblicato la nuova lista della frutta e della verdura che sarebbe meglio scegliere bio per quanto riguarda gli Stati Uniti così da evitare Ogm e pesticidi.

La lista Dirty Dozen 2016 fa parte della nuova Shopper’s Guide to Pesticides in Produce, che comprende anche la lista Clean Fifteen, con l’elenco della frutta e della verdura più sicura per quanto riguarda i residui di pesticidi.

I dati per la compilazione delle liste si basano su oltre 35 mila campioni prelevati dal Dipartimento dell’Agricoltura degli Stati Uniti (USDA) e dalla Food and Drug Administration (FDA).

Ogni hanno l’Environmental Working Group pubblica una guida all’acquisto della frutta e della verdura migliore per contribuire a proteggere la salute dei cittadini con il consiglio di preferire i prodotti bio nel caso della frutta e della verdura che, quando è coltivata in modo convenzionale, presenta i maggiori residui di pesticidi.

Negli Usa le fragole sono i frutti più interessati dalla presenza di residui di pesticidi che sono stati rilevati nel 98% dei campioni di fragole convenzionali testati. Il 40% delle fragole non bio presentava residui di 10 o più pesticidi diversi.

Alcuni dei pesticidi presenti come residui sulle fragole in vendita negli Usa sono sostanze legate a disturbi della crescita, interferenze endocrine e problemi neurologici.

Dirty Dozen 2016

Ecco la lista dei 12 frutti e ortaggi che sarebbe meglio scegliere bio negli Stati Uniti.

1) Fragole
2) Mele
3) Nettarine
4) Pesche
5) Sedano
6) Uva
7) Ciliegie
8) Spinaci
9) Pomodori
10) Peperoni
11) Pomodori ciliegini
12) Cetrioli

Clean Fifteen 2016

Clean Fifteen è la lista della frutta e degli ortaggi coltivati in modo convenzionale che contengono meno residui di pesticidi negli Usa.

1) Avocado
2) Ananas
3) Mais
4) Cavoli
5) Piselli
6) Cipolle
7) Asparagi
8) Mango
9) Papaya
10) Kiwi
11) Melanzane
12) Melone bianco
13) Pompelmo
14) Melone cantalupo
15) Cavolfiore

Attenzione però: una parte della produzione di mais e di papaya negli Stati Uniti avviene a partire da sementi Ogm, dunque l’EWG consiglia comunque di scegliere la versione bio di questi due prodotti.

E in Italia?

E per quanto riguarda l'Europa e l’Italia? L'Efsa lo scorso anno ha ammesso che quasi tutti i cibi che mangiamo contengono residui di pesticidi, ma a livelli inferiori rispetto alla norma. I pesticidi nei nostri piatti dunque non supererebbero i limiti di legge. Possiamo stare tranquilli o sarebbe meglio scegliere bio? 

Marta Albè

Leggi anche:

frecciaPESTICIDI IN QUASI TUTTI I CIBI CHE METTIAMO NEL PIATTO, PAROLA DELL'EFSA

frecciaMANGIARE BIOLOGICO PER UNA SETTIMANA RIDUCE I LIVELLI DI PESTICIDI NEL CORPO DEL 90%

freccia5 CONSIGLI PER MANGIARE BIOLOGICO E SPENDERE POCO

 

...continua sulla fonte http://ift.tt/1T5PSk2 che ringraziamo.

Post più popolari